Pepecchio

Lo spirito sfranto dei tempi

E voi, voi, dove eravate?

Perché l’unico effetto che mi ha fatto l’ultimo videomessaggio  di B. è stato quello di pensare a dove fossi nel 1994 all’epoca del primo.

Una panda rossa, un’associazione con cui si faceva politica, un fratello che si trasformava in amico, la prima volta a Milano e il Leoncavallo, il Politecnico, Bari e la tris, la birra Lutèce, l’organizzazione del concerto dei 99 Posse alla vecchia Cantina e gli scazzi con i fascistelli, i primi passi di Del Piero accanto a Vialli, i sabati notte passati chiusi in macchina a dirsi una marea di parole addosso per riscaldarsi.

E una canzone su tutte.

Questa.

Che quando dallo stereo passava “questo tempo sbandato, questa notte che corre e il futuro che viene a darci fiato” lo capivamo che eravamo fortunati a vivere assieme.

 

 

Navigazione ad articolo singolo

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: