Pepecchio

Lo spirito sfranto dei tempi

Caro amico

Colori-Che-Esplodono-coverUna ritmo (nel senso della macchina), una tenda di una sua zia ricca, una discoteca di cui non capimmo nulla infognata dalle parti di Gallipoli, un ristorante dall’elegante nome di “U’ muccus”, il caldo porco, circa 25 panini in 5 alla partenza e zero al ritorno, le zanzare e una puntura che mi fece il labbro alla Nina Moric.

E poi c’era un concerto.

E la canzone che aspettavamo era questa.

Ciao

Navigazione ad articolo singolo

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: