Pepecchio

Lo spirito sfranto dei tempi

SLA: una storia vera

Mia madre è da sette anni ammalata di SLA.

Negli ultimi due siamo venuti a contatto con un dottore a cui era stata affidata l’assistenza domiciliare per questo tipo di pazienti: completamente paralizzati, respirano e si nutrono artificialmente ma sono lucidissimi. Se mia madre ha ancora oggi la possibilità di veder crescere la sua amata pupattola lo deve solo  a mio padre,  al medico di famiglia e a questo signore.

Che, dal prossimo mese, non ci potrà più aiutare.

Non  potrà risponderci al telefono nelle ore più assurde, correre per la strada per una sostituzione di cannula tracheale improvvisa, darci il suo sorriso così carico di umanità, fornirci i consigli più preziosi con tutti gli strumenti possibili.

A dieci giorni da questo cambiamento radicale nessuno della ASL di competenza si è degnato minimamente di avvisarci e di dirci a chi potremo, se potremo, rivolgerci (a noi l’ha comunicato via WhatsApp il dottore stesso).

Siamo dei rottami o meglio, dei numeri da mettere in una casellina. Come la telefonata annuale che ci viene fatta per chiedere se mia madre è ancora in vita: “sì”, “va bene grazie, ci serve per le statistiche”.

Io non so di chi siano le responsabilità: la politica regionale certamente ne ha molte, persa com’è tra le poesie e pochissimo a contatto con le storie e i problemi presenti in ogni singola casa.

So solamente una cosa: che sono disposto a qualsiasi forma di lotta affinché mia madre continui ad essere assistita da questo dottore.

Oggi, 21 giugno, ironia della sorte, oltre ad essere il solstizio d’estate è anche la Giornata Mondiale di Lotta alla SLA.

Annunci

Navigazione ad articolo singolo

2 pensieri su “SLA: una storia vera

  1. dima.p@libero.it in ha detto:

    Tutto vero….comunque la mamma non sara’ mai lasciata sola…..

  2. Pingback: Io capisco tutto | Pepecchio

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: