Pepecchio

Lo spirito sfranto dei tempi

La responsabilità individuale

Davide si ucciso.

Impiccandosi con una sciarpa.

Davide aveva 15 anni.

Davide si è tolto la vita perché deriso e offeso.

Anche da alcuni suoi coetanei (la parola compagni proprio non mi viene in questo caso).

Per loro era “il ragazzo dai pantaloni rosa”.

Davide è una vittima dell’omofobia.

E dell’ignoranza e inciviltà.

E che nessuno si senta innocente in questo momento.

Perché tutti siamo colpevoli.

Quando sorridiamo, ammicchiamo o semplicemente non diciamo nulla davanti a parole che possono essere letali.

Perché la responsabilità individuale viene prima di quella collettiva.

Dipende da noi.

Non dimentichiamolo.

Navigazione ad articolo singolo

2 pensieri su “La responsabilità individuale

  1. Dionisio in ha detto:

    Anche Pierpaolo si è ucciso.
    Anche Pierpaolo si è impiccato.
    http://www.padovaoggi.it/cronaca/pierpaolo-boetto-battaglia-terme-morto-suicidio.html

    E aveva 39 anni.
    Un elettricista che ha scelto di fare del suo mestiere una piccola impresa.
    A 39 anni, con tante scelte già fatte e infinite ancora da fare, non c’è istinto, impulso. C’è l’estremo. La fine di ogni risorsa, prosciugata non dall’ignoranza (colpevole) e dall’immaturità.
    Ma da un deliberato gesto assassino di coloro i quali oggi fanno del loro modus vivendi il parassitismo, la speculazione, l’immagine pubblica legata al vorticare del poco, e vile, danaro.

    Il meretricio dell’anima, a spese del sudore, e purtroppo del sangue, di tanti uomini e donne, è forma comune, vissuto di noi tutti, palese dimostrazione che se non fotti, in questo dannato mondo sei fottuto.

    Ciao Pierpaolo, e scusa se TUTTI NOI non abbiamo saputo pagare il tuo lavoro.
    Se abbiamo sottovalutato la tua dignità che era ben superiore all’onta di un decreto ingiuntivo.
    Ma io ti prego, da lassù, solleva la mano di chi come te oggi pensa di diventare boia di se stesso. Perché tutti noi abbiamo bisogno di ognuno.
    Facevi l’elettricista. Accendi un barlume. Stavolta, io ci credo, verrai ripagato.

  2. Pingback: Lo dice l’Europa | Pepecchio

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: