Pepecchio

Lo spirito sfranto dei tempi

25+30=>63

La neonata giunta Locorotondo6tu, in linea perfetta con quanto riportato nel proprio programma elettorale sulla parte fiscale-economica (nel senso che sarebbe stata una sorpresa in quanto il capitolo non c’era proprio) ha varato una settimana fa (Delibera di Giunta n. 56 del 21.06.2011) l’incremento del 30% della Tassa Comunale sui Rifiuti (TARSU).

Il bello, si fa per dire, è che questo aumento si somma a quello già imposto lo scorso anno (25%).

Il risultato finale è che chi nel 2009 si trovava a pagare 100 euro di TARSU ne pagherà 163 nel 2011.

Adesso facciamo qualche riflessione e magari avanziamo anche una modestissima proposta.

Se in due anni si è aumentata la tassa rifiuti del 63% forse i cittadini sono legittimati a chiedere per quale motivo questo è successo.

Inoltre se mi aumentano una tassa del 63% io credo che mi sia dovuta, non solo una  spiegazione (siamo con le pezze al culo, abbiamo scialacquato alla grande negli ultimi anni e adesso dobbiamo risanare, dobbiamo trovare i soldi per Renzo Piano, insomma inventatevene una qualsiasi e comunicatela) ma, per lo meno, un servizio del 63% migliore rispetto a quello di due anni fa.

Invece vedo che abbiamo un’area destinata a rifiuti di cui nessuno sa nulla e nessuno dice nulla (ne abbiamo già parlato qui), abbiamo un paese sporco come non mai (vedi qui il corso che sembra bitumato ma sono solo chianche che si vergognano di essere chiamate in quel modo, poi vedi qui la nostra linda villa comunale e poi qui e qui i nostri bei marciapiedi e qui la nostra bella piazza) senza che nessuno tenti di far applicare minimamente le condizioni previste nel contratto di gestione.

Mi si dirà, se qualcuno dirà, che è lievitato il costo per tonnellata del rifiuto indifferenziato da portare in discarica (anche perché viene adesso imposto, giustamente, un pre-trattamento: ossia dividere il secco dall’umido).

Ma se andiamo avanti su questa strada (aumenta il costo del rifiuto da smaltire e di conseguenza aumento le tasse) da qui non se ne esce. E non è neanche giusto far ricadere sui cittadini la propria incapacità. Perché a far politica così sono bravi tutti davvero.

Perché un’altra strada da percorrere, rapidissimamente, ci sarebbe tutta.

Se solo si volesse cominciare a tagliare un po’ di rami secchi e rendite di posizione.

Perché un nuovo bando per il servizio di gestione rifiuti lo possiamo fare subito a partire da domani mattina (siamo attualmente in regime di proroga da oltre un anno e non siamo più vincolati alle decisioni dell’ATO) e questo lo sappiamo tutti, neo-sindaco e neo-assessore all’Ambiente compresi.

La proposta l’ha avanzata qui una piccolissima e irrilevante associazione politica di questo paese.

È abbastanza chiara, lineare e semplice (al netto del conduttore).

Va presa e applicata: senza alcuna mega-consulenza da affidare nè copyright da pagare (non si è inventato assolutamente nulla). E senza alcuna gelosia di sorta. Perché ai componenti di quell’associazione (li conosco bene) interessa unicamente che le cose (quelle buone e giuste per il nostro paese) si facciano.

Per la cronaca in questa delibera e in un’altra ancora, sua sorella, ci sono altri aumenti per altri servizi. 

Ne ha parlato puntuale Perry qui.

Ci ritorniamo, garantito al limone, nei prossimi giorni.

Navigazione ad articolo singolo

Un pensiero su “25+30=>63

  1. Pingback: Tutta colpa di Vega | Pepecchio

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: