Pepecchio

Lo spirito sfranto dei tempi

Mezza estate

Qui il sole s’alza presto al mattino. Comincia a far caldo e il mare è sempre più una tavola azzurra.

3 giorni fa ho deciso che dovevo attrezzarmi. Per cui ho messo dentro la sacca Ikea tutto il necessario per un tuffo estemporaneo. Così, quando mi prende la voglia, devo solo fermarmi, trovare un punto giusto e tuffarmi.

Sono stato a Puntadoro che non ci passavo da 15 anni almeno. Le posizioni della gente sugli scogli sempre le stesse, ho ritrovato il mio, ci ho disteso su l’asciugamano, poi sono andato a controllare l’altezza dell’acqua che in 15 anni magari qualcosa era cambiato e non sarebbe stato bello accorgesene tuffandosi.

Tutto era a posto. Come prima. Come sempre.

Allora ho allineato bene i piedi, respirato profondo e mi sono buttato spanciando nell’acqua. Mi sono abbandonato all’acqua e il suo lentissimo fluire verso riva. Mi sono fatto trasportare lì dove lei decideva. Quasi sottomissione. Il sole in faccia, il sale che brucia e cura. La gazzetta dello sport, un caffè al baretto vicino, sono scappato al lavoro.

La sera prendevo un po’ di fresco seduto su una panchina sul corso a due passi da quella coppia insuperabile che ha fatto della loro vita un monumento immenso al fancazzismo.

Un signore distinto mi si è avvicinato chiedendomi rispettosamente di fare due chiacchiere “per conoscere la tua anima” dal momento che aveva sentito parlare bene di me.

Intanto passava un vecchietto con maracas, tamburello e una radio tenuta al collo con una cinta, maracas e tamburello. Passava una canzone e mentre passava scendeva un tramonto rosso fuoco.

Navigazione ad articolo singolo

2 pensieri su “Mezza estate

  1. Miriam in ha detto:

    chissa’ se un giorno tornero’ anch’io nel mio amato sud a riassaporare quell’estate cosi’ speciale solo per chi ha la fortuna di nascere li’, accanto al mare.

  2. Gera in ha detto:

    Pepi, anch’io a Puntadoro, cioè Lido Azzurro sabato scorso ed il prossimo…e per le stesse tue ragioni…per sentire che nulla é cambiato e che invece di andarci con paletta e secchiello miei, ci vado portando quelli delle mie nipoti. Il resto… uguale a 25 anni fa….

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: