Pepecchio

Lo spirito sfranto dei tempi

Piccolo

Carrarmato

Sotto al divieto di sosta ci mettevano la scritta “Permanente” e io credevo fosse una pubblicità del parrucchiere.

Giocavo al subbuteo ed avevo una squadra con calzoncini e maglietta nera: era l’Academica di Coimbra e vent’anni dopo sono andata a vederla giocare in Portogallo.

Mi piaceva indossare i calzini fatti a mano con il bordino uncinettato, alti sopra il polpaccio: mi piacerebbe ci fossero ancora o che qualcuno me li potesse procurare.

Portavo il baschetto.

Ogni anno si faceva il richiamo dell’antitetanica e in cambio mi veniva regalata l’edizione mensile di capitan miki.

Al bar di Peppe c’era lo squalo all’anice e una volta ci sono entrato che lo volevo gratis perché sul Topolino c’era un buono regalo e Tonetta mi ha detto che non era cosa proprio.

Il barbiere mi tagliava i capelli sul cavalluccio. E il barbiere era identico a Marco Pannella.

Per trasformare la mia bici in bmx ci avevo strappato i freni e le carenature così ero costretto a frenare mettendo un piede sulla ruota anteriore.

Avevo un paio di pantaloncini celesti Ellesse.

Alla novena di natale distribuivano il cioccolato carrarmato.

A pasqua mi faceva paura fare “il giro dei sepolcri”.

A colazione andavo giù con l’ovomaltina.

A maggio iniziavamo a giocare con i tappi.

Adesso ho la testa che continua a ronzare, aree di ipersensibilità, l’osteopata mi ha chiesto se ero stato adottato (?).

“Va tutto bene, va tutto bene” ripeto mentre le massaggio i piedi.

Il bicchiere con mezzo lucano sul tavolino, il camino lì sullo sfondo con la legna che brucia, la luna nuova che arriva. Il mio tempo da piccolo tutto dentro ad una pancia.

Annunci

Navigazione ad articolo singolo

3 pensieri su “Piccolo

  1. Alessio in ha detto:

    Si ma quando arriva sto/a pischello/a non gli far venire l’ansia con sti racconti…
    Portalo al mare, ndo te pare, tanto spacca ugualeeee…
    Per quanto riguarda coimbra sappi che ho un pacchetto di ventil da un mese che t’aspetta e ti spetta. rispetto.

  2. Mezza cameretta in ha detto:

    Quell’innocenza s’è persa, è vero. O forse non è proprio l’innocenza, ma qualcos’altro. E s’è persa. E’ rimasta appiccicata ai ricordi come cera profumata. Eppure sono sicura che la ritroverari negli occhi di tuo/a figlio/a. Un bacio.

  3. fràplè in ha detto:

    dovevo commentare prima o poi.
    che emozione.
    quei piedi da massaggiare adesso..e quei piedini che arriveranno e che stenterai a crederci che si tratta proprio di piedi.
    piccoli, minuscoli.
    a me i tuoi racconti mi son sempre piaciuti,ora che hanno questo sapore nuovo….ancor di più…i fili,che giri fanno..a volte…t abbraccio

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: