Pepecchio

Lo spirito sfranto dei tempi

Cioccolato

Mio nonno era pasticciere. Non fosse perché non l’ho quasi mai incontrato (se ne è andato nel paradiso dei dolci e io non avevo neanche un anno) sono convinto che a quest’ora starei a fare torte e opere d’arte di panna montata. Questo per dire che so cosa sono i gelati. Insomma è qualcosa che ho dentro, qualcosa in potenza, un talento sopito come un vulcano addormentato ma sì, lì pronto, a scintillare e fare luce di notte.

Io ho un piccolo problema con i gelati. Un gelato per me non è tale se non c’è il cioccolato. Ci sono stati tempi monotematici: “solo cioccolato” chiedevo alla ragazza al bancone. Poi ho scoperto anche il semifreddo al cioccolato per cui sommavo al cioccolato (gelato) il cioccolato (semifreddo). Però si cresce e si cercano nuove strade. A tentoni si procedere al fine di delineare un qualcosa che ti faccia superare almeno nei gelati quella linea d’ombra su cui balli da un sacco di tempo.

E allora vai con cioccolato e crema, cioccolato e stracciatella, fino a spingersi (ma questo solo in una gelateria dietro la stazione cadorna) in un estremo cioccolato e pistacchio. Fin qui tutto bene. Ma c’è un problema. A me piace godermi il cioccolato nel cono: dico nella parte finale del cono (da piccolo cominciavo a mangiarlo da quella parte il gelato con risultati devastanti per i miei poveri pantaloni bianchi). Ecco questo desiderio risulta sempre insoddisfatto. Infatti non importa il tipo di accoppiata o l’ordine di scelta dei gusti. Il gelataio o chi per lui, subito dopo la mia richiesta inserisce il gusto altro: il cioccolato diventa solo una variante aggregata lateralmente, un corollario al teorema.

Eppure le ho tentate tutte.

Piglio decisionista: “cioccolato e crema, grazie”. Ti aspetteresti il cioccolato come primo gusto. E invece niente.

Fare indeciso: “per me cioccolato e (1, 2, 3, 4, 5 secondi) e crema”. Nulla, nulla.

Inversione dei fattori: “crema e cioccolato”. Nullanulla.

Ho pensato che sia un problema di domanda/offerta: ossia ci sono tante persone che richiedono il cioccolato e metterlo come primo gusto ne porta ad un consumo maggiore per cui si cerca di tutelare il prodotto fregandosene delle richieste.

Oppure e più facilmente (e più bello) esiste un dio dei gelatai che ha sentenziato che il cioccolato mai può essere inserito come gusto primo all’interno di un cono: è un dogma, qualcosa che non puoi capire ma solo accettare.

Un po’ come quella voglia che hai di salire tre per volta le scale di quella piazza lontana da qui, sfilarti le cuffiette dell’ipod e, passando la musica che sta suonando,…"vuoi ballare? ti va di ballare?".

Navigazione ad articolo singolo

9 pensieri su “Cioccolato

  1. tipo io faccio cioccolato e nutella.
    eh.

  2. Miriam in ha detto:

    A me 2 diversi gelatai mi hanno dato 2 diverse spiegazioni:
    1) lo fa per non sporcare l’altro gusto con il marrone del cioccolato (e dico io sciacquala quella paletta)
    2) e’ un problema di consistenza. se me tti prima il cioccolato l’altro gusto non si attacca bene e il gelato cade.
    la mia soluzione e’ specificare sempre di volere il cioccolato nel cono.. oppure dire tutto cioccolato e aggiungere l’altro gusto last minute.

  3. frà/plè in ha detto:

    ebbene si ha vinto Miriam con la spiegazione n°1.
    i gusti più scuri vanno sempre dopo…
    a me piace il cocco…lo vorrei tanto sopra…e invece lo mettono sempre per primo…

    mi preparo per campeggiare una settimana, io…in una piazza nonlontana da qui…
    🙂

  4. sempre frà/plè in ha detto:

    ah…sai la scena della Finestra di Fronte con la Mezzogiorno che…accompagnata da “Ma che freddo fa” di Nada [era poi questa la canzone?], prepara i dolcimeravigliosi con il signore?
    che sogno…

  5. Il monco in ha detto:

    Colonnello, prova con questa…
    Indio, tu il gioco lo conosci…

  6. 40 in ha detto:

    Una violenza inaudita!

  7. Alessio in ha detto:

    Sto post è di domenica, siamo a mercoledì…
    Vogliamo un nuovo post!
    Vogliamo un nuovo post!
    Vogliamo un nuovo post!

    Daje Pepecchio che mio padre vuole novità, qualche ricettina (magari risopatan’ecozz), qualcosa di nuovo…

  8. Anonimo in ha detto:

    Magari qualcosa di fortemente politico… tipo i comunisti al potere che occupano tutte le posizioni istituzionali più importanti e previti, invece, che deve starsene a casa per i prossimi sei anni!

  9. frà/plècoibaffidicioccolata in ha detto:

    sisisisi pure io sono per il post nuovo…anche perchè ogni volta che apro qui e mi trovo il cioccolato mi viene voglia sai di quei baffetti che ti si fermano ai lati della bocca mentre mangi il gelato?!!?che ora ditemi come si fa a non sporcarsi!🙂

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: